FISW-Logo-vettoriale

Decreto Legge “Sostegni”

 È stato approvato e “bollinato” dalla Ragioneria Generale il Decreto Legge c.d. “Sostegni” (non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale al momento in cui si scrive) recante ulteriori misure a sostegno dei settori economici maggiormente colpiti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. Tra le misure approvate si segnalano alcune disposizioni di interesse per il mondo sportivo e associativo. 

Contributo a fondo perduto in favore degli operatori economici (art. 1) 

Il Governo ha inteso riconoscere un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti titolari di partita IVA, che siano residenti o stabiliti in Italia e che svolgono attività d’impresa, arte o professione. 

Quale condizione per beneficare del contributo è stato eliminato il riferimento ai codici ATECO. Alle condizioni previste tra i soggetti possibili beneficiari rientrano quindi anche gli enti non commerciali, compresi le ASD, le SSD e gli enti del Terzo settore, in relazione allo svolgimento di attività commerciali. 

Per quanto di interesse, si segnala che tale contributo non spetta ai soggetti la cui attività risulta cessata alla data di entrata in vigore del Decreto nonché a quelli che hanno attivato la partita IVA dopo la medesima data. 

Per beneficiare del contributo è necessario che: 

– i soggetti abbiano un ammontare di compensi percepiti nell’esercizio di arti o professioni in denaro o in natura, anche sotto forma di partecipazione agli utili di cui all’art. 54, co. 1, TUIR o un ammontare di ricavi derivanti dall’attività di impresa di cui all’art. 85, co. 1, lett. a) e b), TUIR, relativi al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019 non superiore a 10 milioni di euro; 

l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2019. 

L’ammontare del contributo è determinato in misura pari all’importo ottenuto applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019: 

60% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 100.000 euro; 

50% per i soggetti con ricavi o compensi tra i 100.000 e 400.000 euro 

40% per i soggetti con ricavi o compensi tra 400.000 e 1 milione di euro; 

30% per i soggetti con ricavi o compensi tra 1 e 5 milioni di euro; 

20% per i soggetti con ricavi o compensi tra 5 e 10 milioni di euro. 

Per i soggetti già beneficiari dei contributi precedenti (anno 2020), per i quali permangono i requisiti, l’indennità è erogata senza necessità di ulteriore domanda. 

Per le nuove domande sarà necessario presentare la documentazione richiesta tra 1° e il 15 aprile 2021 sulla piattaforma dedicata raggiungibile dal sito istituzionale di Sport e Salute (https://www.sportesalute.eu). 

Si precisa che sono considerati cessati a causa dell’emergenza anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro il 30 dicembre 2020 e non rinnovati. 

Incremento del Fondo straordinario per il sostegno degli enti del Terzo settore (art. 13) 

Il Fondo straordinario per il sostegno degli enti del Terzo settore è incrementato di 100 milioni di euro e si dispone la proroga al 31 maggio 2021 del termine entro il quale tali enti possono modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria al fine di adeguarli alle nuove disposizioni introdotte con il Codice del Terzo settore. 

Proroga dei termini per precompilata IVA (art. 1) 

Il Governo ha stabilito che l’avvio sperimentale del processo che prevede la predisposizione delle bozze dei registri IVA e delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate è rinviato alle operazioni IVA effettuate dal 1° luglio 2021. 

Si è previsto, inoltre, che a partire dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2022, l’Agenzia metterà a disposizione, oltre a quanto sopra, anche la bozza della dichiarazione annuale IVA. 

Fondo autonomi e professionisti (art. 3) 

Viene incrementato di 1500 milioni di euro il Fondo per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti (iscritti alla Gestione separata INPS e agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza nonché a quelli iscritti alle gestioni speciali dell’Ago) che abbiano percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro e abbiano subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli del 2019. 

Ulteriori misure urgenti e disposizioni di proroga (art. 30) 

Si segnala che il Governo ha differito al 1° gennaio 2021 l’entrata in vigore dei Decreti legislativi in attuazione della Legge Delega 8 agosto 2019, n. 86 (c.d. “riforma dello sport”), recentemente pubblicati in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n. 67 del 18-03-2021 – GU Serie Generale n.68 del 19-03-2021). 

Si applicano, invece, a decorrere dal 1° luglio 2022 le disposizioni in materia di lavoro sportivo di cui agli artt. 25, 26, 27, 28, 29, 30, 32, 33, 34, 35, 36 e 37 del D.lgs. 28 febbraio 2021, n. 36. Si darà conto del contenuto degli stessi con successiva nota informativa. 

Si ricorda che il Decreto Legge “Sostegni” dovrà essere convertito in Legge dal Parlamento pena la perdita di efficacia. Si darà conto con successive note informative dello Studio dell’iter parlamentare e delle eventuali modifiche apportate in sede di conversione.

Info RMC 22-03-2021 – Decreto Legge _Sostegni_

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

X